venerdì 30 marzo 2012

Omaggi a Moebius. Dal blog di Lorenzo Mattotti

Sicuramente siete tutti già al corrente del fatto che una ventina di giorni fa è scomparso Moebius - Jean Giraud, universalmente riconosciuto come uno tra i più grandi autori del fumetto di tutti i tempi. Come spesso accade a chi l'ingegno e il talento ce l'ha nel sangue, quella di Moebius è stata una carriera trasversale. Oltre al suo apporto fondamentale per quanto riguarda il fumetto, ha spaziato in altri ambiti, collaborando con il cinema (ha creato per esempio i costumi di scena per Dune di David Lynch e Il quinto elemento di Luc Besson) e  la letteratura (sue le illustrazioni de La Divina Commedia pubblicata da Nuages). Nella comunità di artisti, questa dipartita è stata molto sentita e ha suscitato varie risposte. Qualcuno ha scritto una frase su facebook, qualcun altro ha pubblicato un post sul proprio blog. Lorenzo Mattotti ha creato una tavola per omaggiare l'autore di Arzach insieme ad altri tre colleghi: Francois Avril, Jacques de Loustal (Coconino Press ha pubblicato di questo autore L'amore è una pianta verde, Il sangue della mala, La notte dell'Alligatore) e André Juillard.

Mattotti, Avril, Loustal e Juillard su Moebius

mercoledì 28 marzo 2012

Gabriella Giandelli illustratrice. Sua la cover dell'ultimo album di Dominique A.

Illustrazione per Internazionale

A fianco dell'attività di fumettista, Gabriella Giandelli collabora come illustratrice a numerose testate, riviste e case editrici (Ponte alle Grazie, Minimum Fax, Mondadori per citarne qualcuna). I suoi soggetti sono stati utilizzati anche per prodotti di design di aziende importanti, come Swatch e Alessi. Qui sopra potete vedere una delle immagini che accompagnavano l'articolo "Cieli silenziosi" comparso su Internazionale circa un anno fa, firmato Jonathan Franzen.
L'ultimo lavoro dell'artista in veste di illustratrice è la cover di Vers le lueurs, il nuovo, nono, album del musicista francese Dominique A, artista all'attivo dagli anni 90 diventato famoso per aver ripreso la tradizione del rock d'oltreoceano associandola a un cantato in francese, sua lingua d'origine.

Cover di Vers le lueurs di Dominique A

Cover per Ponte alle Grazie

Coconino Press ha pubblicato il volume unico di Interiorae nell'agosto del 2010. Date un'occhiata alle tavole sul sito, a questo link: http://www.coconinopress.it/interiorae-volume-unico.html

lunedì 26 marzo 2012

Lezione di fumetto con Edmond Baudoin e Viva la Vida all'Auditorium Parco della Musica di Roma.

Domenica 1 aprile alle ore 18, al Teatro Studio presso l'Auditorium Parco della Musica di Roma, Edmond Baudoin sarà ospite del ciclo di "Lezioni di fumetto". L'ultimo libro dell'autore francese è Viva la Vida (Coconino Press) in cui Baudoin, insieme al narratore Troubs, racconta il contatto con le strade e le persone di Ciudad Juarez in Messico, la città più pericolosa del mondo.
L'incontro con l'autore è a cura di Francesco Coniglio e Luca Raffaelli.
Biglietti: posto unico: 8.00 euro
Riduzioni: Parco della Musica Card, giovani fino a 26 anni, over 65 anni, American Express, Feltrinelli, Carta Per Due, Interclub, ACI, Bibliocard, Carta Giovani, CTS e cral convenzionati 

Viva la vida, cover

Dal comunicato stampa:

VIVA LA VIDA! LA LEZIONE DI FUMETTO DI EDMOND BAUDOIN
DOMENICA 1 APRILE (ORE 18) ALL'AUDITORIUM PARCO DELLA MUSICA DI ROMA
Domenica 1 aprile alle 18 Edmond Baudoin sarà ospite del ciclo "Lezioni di fumetto"
 all'Auditorium Parco della Musica di Roma (Teatro Studio)
Il noto autore francese, che collabora tra l'altro con la scrittrice Fred Vargas, parlerà del graphic novel "Viva la vida", realizzato in coppia con Troubs: un intenso diario di viaggio e reportage giornalistico a fumetti tra le donne sfruttate e uccise in Messico a Ciudad Juárez, la città più violenta del mondo

L'INCONTRO

Nato a Nizza nel 1943, Edmond Baudoin è uno dei più grandi autori del fumetto contemporaneo. Maestro del bianco e nero, Baudoin è forse l'interprete più consapevole e significativo di un fumetto espressionista e gestuale, dove ogni segno è carico di potenza e di poesia. Le sue storie hanno esplorato i territori dell'autobiografia e dell'autofiction molto prima che questi generi diventassero di moda nel fumetto. Il suo tratto pittorico, ma che deriva con libertà e sensualità dal segno prattiano, si è sviluppato nel fumetto in una vera scrittura, come quella degli ideogrammi, e contemporaneamente molto evocativa. Per Baudoin il segno è musica, disegnare è una danza. L'ultimo libro-reportage, Viva la vida, parla delle atrocità commesse sulla frontiera messicana, e racconta la morte cruenta con la stessa spinta di speranza e di vita delle sue storie d'amore.

venerdì 23 marzo 2012

Comincia l'Offerta Ghermandi!

 
Avete tempo fino all'8 aprile per visitare "Officina Ghermandi", la mostra inaugurata per Bilbolbul in cui Francesca racconta, attraverso oggetti e immagini, il processo attraverso cui si sviluppano le sue creazioni. Da oggi potete approfittare dell'offerta dedicata a Francesca Ghermandi. Acquistando Cronache dalla Palude e Grenuord insieme, riceverete:

1) i due volumi firmati dall'autrice
2) una stampa originale di Francesca Ghermandi autografata
3) sconto del 15%
4) nessuna spesa di spedizione.

Cinq mille kilomètres par seconde in edizione deluxe


Dal sito di Manuele Fior, apprendiamo che l'autore di Cinquemila chilometri al secondo, in collaborazione con la libreria Esprit BD, sta lavorando a un'edizione deluxe del libro. Il volume autografato e in edizione limitata sarà di grande formato (34 x 24 cm), conterrà un ex-libris e sequenze inedite.

martedì 20 marzo 2012

I segreti del Quai d'Orsay finisce sul grande schermo

I segreti del Quai d'Orsay cover
Non è la prima volta che un graphic novel viene trasportato sul grande schermo, e non solo in forma di animazione. Mi viene in mente soprattutto Ghost World (2001), tratto dall'omonimo libro di Daniel Clowes, del regista Terry Zwigoff, con una giovanissima Scarlett Johansson e una portentosa Thora Birch.
Divagazioni a parte, la notizia è che stanno lavorando al film de I segreti del Quai d'Orsay - Cronache diplomatiche di Christophe Blain e Abel Lanzac, che ha curato la sceneggiatura del graphic novel. La regia sarà di Bertrand Tavernier. Alain Juppé, il ministro francese degli affari esteri, ha concesso a Blain, Lanzac e Tavernier di accedere proprio al Quai d'Orsay per girare alcune scene. Sembra che Taillard de Vorms, il ministro del libro, abbia molti tratti in comune con il predecessore di Juppé, Dominique de Villepin.

Pag 17

lunedì 19 marzo 2012

Incontro con Paolo Bacilieri alla Feltrinelli di Verona

Martedì 20 marzo, alle ore 18, presso la libreria Feltrinelli di Verona (via Quattro Spade, 2), Paolo Bacilieri presenterà Sweet Salgari insieme ad Enrico Martini (cavalieredellanebbia.blogspot.it), autore, sceneggiatore e presidente dell'associazione culturale Cyrano Comics.
Per informazioni, tel: 045 809081 

Finalmente arriva in libreria l’attesissimo Sweet Salgari (Coconino Press-Fandango), l’ultima fatica di Paolo Bacilieri, uno degli autori più originali e innovativi della scena italiana, che dedica a Emilio Salgari l’affettuoso omaggio di questa biografia a fumetti.
Nelle pagine di Sweet Salgari non si trovano i mondi esotici, Sandokan e i pirati della Malesia, il Corsaro Nero e i mari caraibici, ma lo scrittore e l’uomo che inventò e raccontò tutto questo senza mai muoversi da casa, inseguito dalle scadenze, sottopagato, estraneo ai “salotti buoni” della letteratura perché considerato uno scrittore di serie B. Ecco il Salgari che Bacilieri racconta, coi baffi a manubrio, il cappello a paglietta e la perenne sigaretta in bocca era lui stesso un personaggio. Con il ritratto dello scrittore, troviamo in Sweet Salgari quello delle sue città e della sua epoca: della Verona, dove era nato, della Torino belle epoque e dell’Italia in cui visse. Tra queste architetture disegnate da Bacilieri con straordinario lavoro di ricerca e precisione di dettagli, si compie la parabola di Salgari. Un maestro di fantasia, un inventore di eroi che si schierò sempre con i ribelli e i perdenti. Il protagonista di un’intensa, toccante vicenda umana che ci fa riflettere sulla soglia tra immaginazione e realtà.

Leila Marzocchi e Niger 4 ci mandano notizie da Udine

Grazie a Leila Marzocchi che ci invia testimonianze della mostra a Udine dedicata a Niger 4. Ricordiamo che la mostra, organizzata all'interno della manifestazione "Viva i fumetti!", sarà visitabile al Centro espressioni cinematografiche di Udine "Il Visionario" fino al 31 marzo, per poi spostarsi a Lubiana, in Slovenia.
Qui sotto trovate un assaggio delle foto. Potete visualizzarle tutte sulla pagina flickr di Coconino.

Leila Marzocchi e le tavole di Niger 4

Leila e un fan di Hambone
video

venerdì 16 marzo 2012

Pupa in mostra e in concorso. Leila Marzocchi protagonista di "Viva i fumetti 2012" a Udine e Lubiana


L'associazione Vivacomics/Stripburger organizza, presso il Centro espressioni cinematografiche di Udine "Il Visionario", la manifestazione Viva i fumetti 2012, quest'anno alla dodicesima edizione, in cui sono coinvolti studenti italiani e sloveni. Quest'anno i riflettori sono puntati su Niger 4 (in libreria da alcune settimane), la saga che ruota intorno agli animali del bosco e alla larva Pupa, frutto della fantasia e della mano di Leila Marzocchi. Al fianco dell'autrice bolognese, Matej De Cecco presenta il suo cagnolino Šnof.

Sabato 17 marzo si apre la mostra al Visionario (via Fabio Asquini 33, Udine). L'inaugurazione sarà alle 18, ma già alle 15 sarà possibile incontrare gli autori per le dediche. Alle 16 invece si svolgerà la presentazione delle edizioni Stripburger/Vivacomix. La mostra rimarrà aperta fino al 31 marzo, visitabile tutti i giorni, negli orari delle proiezioni; a partire dal 16 aprile l'esposizione si sposterà invece a Lubiana presso la galleria Kresja.  
Un'altra iniziativa interessante legata al festival è il concorso di fumetto e animazione. Leila ha proposto ad alcune classi delle scuole della Regione Friuli Venezia Giulia di sviluppare una storia a partire dalla traccia "L'hanno chiamata Pupa. Cosa diventerà?". I vincitori del concorso saranno proclamati alla galleria Kresja di Lubiana.

Qui sotto il testo-guida per introdurre gli studenti al mondo di Niger e guidarli nel processo creativo:

"L'hanno chiamata PUPA.
Cosa diventerà?

Pupa nasce uscendo da un uovo rotondo, in fondo a un lago.
E' fatta circa come un girino, con una testa rotonda e una coda cicciottella.

Come prima cosa, quando raggiunge la superficie dl lago, le si aprono gli occhi.
Poi il vento solleva i suoi lunghi capelli e la fa volare in alto, finché non atterra dentro una casa sull'albero, sulla sommità di un grande Tiglio.
Lì Pupa viene trovata da alcuni uccelli che si prendono cura di lei, la proteggono dai ragni che la vogliono mangiare, e la mettono a dormire in un guscio di noce.

Dopo un lungo sonno Pupa si sveglia e, improvvisamente, le si spalanca una bocca che prima non c'era: ha fame!
Gli uccelli scoprono che mangia solo fiori.
Dopo tanti fiori mangiati, col tempo a Pupa si sviluppano delle belle orecchie grandi, e due braccia, con le mani alle estremità.

Pupa fa un sogno che le piace. In questo sogno vede se stessa come "una farfalla grande come un abete".
Da quel momento non pensa ad altro che a volare, e appena riesce ad eludere la sorveglianza degli uccelli che la custodiscono, si lancia nel vento, con i capelli che le fanno da deltaplano.

Ma Pupa deve ancora crescere: cosa diventerà?" 

Viva i fumetti è possibile grazie anche alla collaborazione di: CEC Udine, LAB Udine, Animateka, IIC di Lubiana.

Malfunzionamento del sito www.coconinopress.it

ATTENZIONE

Vi segnaliamo che da questa mattina stiamo riscontrando problemi con il funzionamento del sito www.coconinopress.it. Stiamo facendo il possibile, ci scusiamo per il disagio.

The Death-Ray e The Art of Daniel Clowes: Modern Cartoonist

Guardate! Un vigilante mascherato si aggira per le strade cittadine e i corridoi delle scuole esercitando i suoi super poteri alimentati a nicotina in difesa degli onesti. Guai a coloro che vorranno sfidare questo amico della giustizia, poichè egli solo possiede i mezzi della loro distruzione.

The Death-Ray, cover

Dal 29 marzo in libreria, e a breve sul sito di Coconino Press, sarà disponibile il pluripremiato The Death-Ray di Daniel Clowes nella collana Zelda (edizione deluxe con dorso telato e copertina rigida).
Negli Stati Uniti invece uscirà tra due settimane The Art Of Daniel Clowes: Modern Cartoonist (edizioni Harry N. Abrams) in cui vengono ripercorsi i 25 anni di carriera dell'autore di Wilson e David Boring. Nei prossimi giorni, in attesa del libro, verranno pubblicati sul suo blog immagini, schizzi, illustrazioni, pubblicazioni inedite, disegni di infanzia di Clowes e altro, tutti materiali che, per problemi di spazio, non sono stati inseriti nel volume. Ve ne diamo un assaggio qui sotto.


mercoledì 14 marzo 2012

Chez Manuele Fior: notizie e anticipazioni

Illustrazione per la pagina domenicale di Repubblica
Tra i progetti a cui si dedica Manuele Fior, e di cui riceviamo gli aggiornamenti tramite il sito web www.manuelefior.com, ci sono svariate collaborazioni con riviste e quotidiani (Repubblica, Rolling Stones, The New Yorker, Il Sole24Ore e altri) nonchè illustrazioni per libri. Sul domenicale di Repubblica si occupa di illustrare la rubrica di Alessandro Baricco Una certa idea di mondo. L'immagine di domenica scorsa era dedicata a Vergogna di J.M. Coetzee ma a questo link potete riempirvi gli occhi guardandole tutte.

Manuele Fior by Alan Chies
E' appena uscito il cofanetto A4GOD - An Inquiry into Eidolatria and Contemporary Drawing in Italy in cui sono raccolte le illustrazioni di 105 artisti (tra gli altri appunto Manuele Fior, Davide Toffolo, Giacomo Nanni, Sergio Ponchione, Alessandro Tota), ognuno dei quali ha raffigurato su un foglio la propria idea di Dio. Il fotografo Alan Chies li ha fotografati e sul sito dedicato ad A4GOD potete vedere gli scatti.





Manuele continua a lavorare anche sul fumetto. L'intervista è il titolo del suo prossimo progetto a strisce,  di cui vi mostriamo qui qualche pagina di anteprima.
L'Intervista
L'Intervista 

martedì 13 marzo 2012

Le foto di Coconino: Coconino Press su Flickr

Da oggi Coconino Press è su Flickr, il sito dedicato alla fotografia in cui gli utenti possono caricare e condividere le loro immagini.
Il set Bilbolbul 2012 contiene le foto degli autori Coconino Press, le mostre, le presentazioni e tanto altro.

Le foto di Coconino: http://www.flickr.com/photos/coconinopress/

venerdì 9 marzo 2012

"una tendenza programmatica alla sfiga". Al Capolinea di Joe Matt secondo D'Orrico

Le critiche sono sempre interessanti, quando ben motivate. E' il caso dell'articolo di Antonio D'Orrico Ma i fumetti devono essere così tristi? apparso su Sette, in edicola ieri giovedì 8 marzo, con il Corriere della Sera. "Raramente ho letto un libro così sgradevole, al limite del repellente" scrive il giornalista a proposito di Al capolinea di Joe Matt: "Uno può dire che Matt ha il coraggio di denudarsi davanti ai lettori ma lo inviterei caldamente a ricoprirsi." La "tendenza programmatica alla sfiga" di molte graphic novel (nell'articolo si salvano Alan Moore, Eisner e Chester Brown) non è però condivisa all'unanimità. Il dibattito sul graphic novel di stampo autobiografico, dei suoi eccessi e della sua presunta poca originialità, impazza in rete. Leggete l'articolo di Matteo Stefanelli Graphic novel (autobiografico): meno novel, più graphic, comparso su Fumettologicamente e i numerosi commenti in proposito. Anche Daniele Barbieri si occupa Dell'autobiografismo nel fumetto di Joe Matt sul suo blog guardareleggere.wordpress.com.
A noi Joe Matt piace e ci diverte nel ritrarsi, calcando la mano, in modo intelligente e ironico, come un poveraccio malato di sesso.

giovedì 8 marzo 2012

Igort "criminale" al Bergamo Film Meeting


Si inaugura a Bergamo domani, venerdì 9 marzo alle ore 18:30, una particolare mostra dedicata alle opere noir di Igort e intitolata CRIME. Attento: sei seguito dalle ombre. La mostra, organizzata presso la sala alla Porta S. Agostino dal Bergamo Film Meeting,  costituisce un viaggio nelle atmosfere noir di Igor, in particolare attraverso le tavole originali di Sinatra, il fumetto pubblicato da Coconino nella collana Maschera nera nel 2000 e le serigrafie del portfolio Polar, realizzato sempre da Coconino in edizione limitata di 100 copie nel 2004.


La mostra rimarrà visibile fino al 2 Aprile (martedì-venerdì: 15.30-19.30; sabato e domenica: 11.00–19.30). Qui il link del Bergamo Film Meeting, dove potete trovare maggiori informazioni.

martedì 6 marzo 2012

Aspettando Niger 4


A momenti dovrebbero arrivare in redazione le prime copie di Niger 4 di Leila Marzocchi, in libreria a partire dal 22 marzo.
Qualche giorno fa abbiamo immortalato Pupa in copertina, a fianco del cappotto in stile giapponese di Leila. 

“Partendo da una larva che vuol capire – chi è, da dove viene, dove sta andando – Leila Marzocchi parla di noi... Una stramba ricerca (quete) medievale dove però il pellegrino, il cercatore, non trova altro che nuove domande, nuove inquietudini" 
Goffredo Fofi, Lo Straniero

lunedì 5 marzo 2012

Le stampe di marzo dell'offerta "Coconino in versi"

Abbiamo deciso di prolungare l'offerta Coconino in versi anche per il mese di marzo.
Potete comprare da tutto il catalogo con il 15% di sconto. Inoltre, con acquisti superiori ai 29, 69 e 119 euro, vi regaliamo le stampe firmate di Davide Reviati, Manuele Fior, David B. e Igort.

Ecco le stampe:

Davide Reviati


Manuele Fior
David B
Igort


venerdì 2 marzo 2012

Una sfida per veri cinefili. In palio una copia firmata da Blutch di PER FARLA FINITA CON IL CINEMA

Blutch, autore di PER FARLA FINITA CON IL CINEMA, è uno degli ospiti di punta del festival Bilbolbul, iniziato ieri. Siete dei veri cinefili? Vi proponiamo un quiz che vi darà del filo da torcere.

Il primo che risponderà correttamente a tutte le domande, riceverà una copia firmata da Blutch di Per farla finita con il cinema
Inviate le risposte a coconinoclub@gmail.com, indicando nome, cognome e indirizzo a cui spedire il libro.

1.  In una tavola di Per farla finita con il cinema Blutch rappresenta il volto di un attore nelle vesti di alcuni personaggi da lui interpretati durante la sua carriera. I ritratti rappresentati qui sotto sono tratti da film di registi italiani. Indica: a) il nome dell'attore di cui stiamo parlando b) i nomi dei film da cui sono tratte le immagini c) i nomi dei tre registi italiani.


2.  Di chi è questo volto che "vale un Rembrandt"? Di quale film si sta parlando?


3.  Questa volta Blutch ritrae un'attrice in una sequenza di un film. Vogliamo sapere chi è la protagonista dello spogliarello e il nome della pellicola in questione.